ITA | DEU
AUDIO-DOCUMENTARIO
 

Stücke  Pezzi

Memorie dei deportati e internati siciliani nei campi nazisti


separatore
link Ascolta la prima parte del documentario
link Ascolta la seconda parte del documentario
separatore
separatore
link Leggi la trascrizione (parte 1)
link Leggi la trascrizione (parte 2)
separatore

un audio documentario di Andrea Giuseppini e Roman Herzog

musica: Ludwig v. Beethoven String Quartet No. 1 in F-.Major op.18/1


prima parte durata: 69' 33'                                      seconda parte durata: 68' 15''                                           

(C) 2009 Audiodoc



La fruizione di questo prodotto è riservata al solo utilizzo privato. E' vietata la duplicazione, l'utilizzazione in pubblico e la diffusione radiofonica senza la preventiva autorizzazione.
Per informazioni scrivi a audiodoc@audiodoc.it

 

 

Stücke in tedesco significa “pezzi”. “Ho contato 200 pezzi” era la frase con cui si concludeva l'appello nei campi nazisti, oppure 1.000 o 10.000 secondo la grandezza del campo. Sempre però pezzi. Non prigionieri. Tanto meno persone.
Sono stati ridotti a Stücke anche i protagonisti di questo audio documentario, i siciliani deportati e internati in Germania. A più di 60 anni di distanza raccontano, alcuni per la prima volta, la loro infanzia, la povertà, la Sicilia sotto il fascismo e la guerra. L'armistizio dell'8 settembre del 1943, la cattura o lo sbandamento. L'internamento e la guerra partigiana. Il massacrante lavoro coatto, la fame, le punizioni. Lo sterminio e la difficoltà di essere, dopo, tra i sopravvissuti. La liberazione dai campi e il rientro in Sicilia, una terra dove ricordare non è stato per nulla semplice. Anzi, nel dopoguerra in Sicilia era per loro più facile dimenticare.
Molte voci e molte storie diverse quelle raccontate dai siciliani, ma che, nella loro coralità, riescono a restituire la complessità del sistema concentrazionario nazista e danno la possibilità all'ascoltatore di “sentire” cosa significa essere stato ridotto a pezzi – a Stücke.